0,00

L'acqua di mare salva un Beagle

27 Aprile 2021Stefano Caligiuri

Nel Maggio del 1969 presso il Delalande Medical Research Center in Francia, due medici chirurghi Dr. B. Pourrias e il Dr. G. Raynod, si trovano ad operare un piccolo Beagle.

Durante una fase di shock emorragico hanno pensato di impiegare una tecnica che il Dr. Quinton, sessant'anni prima, aveva testato su un altro cane (Sodium).

La metodologia prevedeva la somministrazione endovenosa di Plasma Marino.

I risultati sono stati straordinari.

Ecco la loro relazione riportata in versione integrale: 

Un errore accidentale

Questo studio è stato eseguito su un cane gravemente ammalato.

L'animale presentava un tumore localizzato nell'arto posteriore sinistro ed è stato anestetizzato attraverso il canale endovenoso con l'uso di un barbiturico (pentobarbital, 25 mg/kg), al fine di tentare la completa rimozione.

La pressione sistolica arteriosa è stata misurata sull'elemento posteriore con un misuratore di pressione (E & M INSTRUMENTS COMPANY, HOUSTON, TEXAS).

È stato prelevato un elettrocardiogramma a una derivazione di d1 - d2 - d3.

Durante l'intervento, la scomoda posizione del tumore ha innescato un errore ed è stata recisa un'arteria.

Lo rapida perdita di un volume di 30 ml/kg di sangue arterioso ha generato uno shock emorragico.

Il quantitativo di sangue perso è stato del 50% - 60% del volume circolante totale.

Sono state controllate le seguenti costanti biologiche: emoglobina, glicemia, uremia.

Sono stati anche esaminati l'ematocrito e l'emocromo.

Dopo che lo stato di shock ebbe inizio, mostrato dal drammatico calo della pressione sistolica arteriosa, bradicardia e bradipnea, e avendo a disposizione del Plasma Marino sterilizzato si è tentata la rianimazione ed è stata lentamente iniettata l'acqua di mare isotonica (Plasma Marino).

L'operazione è terminata con successo.

Dopo il suo risveglio, furono eseguiti ulteriori esami biologici, 24 ore, 4 giorni, 6 giorni, 8 giorni e 15 giorni dopo lo shock emorragico.

Il "miracolo" del Plasma Marino

L'operazione è stata condotta su un Beagle di un anno di età, che pesava 12 kg.

  1. Gli esami preliminari prima dell'operazione sono stati i seguenti:
    • Esami biologici: velocità di sedimentazione, ematocrito, emocromo, emoglobina del volume ematico medio (VGM), zuccheri e uremia.
    • Esami clinici: osservazione del comportamento del cane e determinazione rettale della temperatura corporea.

L'esame ha dimostrato che il cane era fisiologicamente normale. I risultati dei test sono riportati nella tabella allegata.

  1. Durata dell'intervento

In anestesia, la pressione sistolica dell'animale era di 160 mmHg, la sua frequenza cardiaca era di 140 battiti/min.

La sua respirazione era di 2 litri/min.

Il volume di sangue perso era di 500 ml a 30 minuti. Questo volume di sangue rappresentava il 54% del volume totale di sangue.

La sintomatologia dello stato di shock è stata osservata in tutte le sue fasi:

  • L'aumento del ritmo della respirazione e della funzione cardiaca.
  • La depressione della respirazione, la funzione cardiaca e la pressione arteriosa.

La pressione sistolica arteriosa periferica era pari a 0, così come la respirazione. Il ritmo cardiaco era di circa 50 battiti/min circa.

Il plasma marino è stato quindi somministrato mediante flebo endovenosa nella vena saphena in due frazioni.

Il volume totale somministrato era di 300 ml.

Dopo 15 minuti dalla somministrazione:

  • Il ritmo cardiaco era di 132 battiti/min;
  • La pressione arteriosa era di 180 mm Hg.

Dopo la depressione della pressione arteriosa, l'animale è stato collegato a un respiratore.

A 30 minuti, la pressione arteriosa era di 170 mm Hg. A 60 minuti, la pressione arteriosa era di 120 mm Hg e il ritmo cardiaco era di 150 battiti/min.

  1. Analisi post operatoria

L'estrazione del sangue ai fini del controllo ematologico è stata effettuata dopo il risveglio del cane, 4 ore dopo essere stato anestetizzato e 3 ore dopo la somministrazione del plasma marino.

Gli stessi esami sono stati seguiti 24 ore, 4 giorni, 6 giorni, 8 giorni e 15 giorni dopo l'intervento.

I risultati si possono leggere nella tabella qui sotto:

[table id=13 responsive="scroll" /]

Osservare una ripresa che ha dell'incredibile

  1. Al risveglio

La pressione arteriosa è diminuita del 40% rispetto alla pressione iniziale, dopo aver superato un periodo di recupero totale (180 mm Hg), 15 mm e 30 mm dopo la somministrazione del plasma di Quinton.

Abbiamo osservato una riduzione del 36% del numero di globuli rossi e una riduzione del 65% del numero di leucociti.Il volume medio di cellule del sangue è rimasto praticamente lo stesso.

L'emoglobina totale è diminuita del 25%.

Lo zucchero nel sangue è aumentato del 100%, probabilmente a causa dell'iperattività delle ghiandole surrenali simpatiche.

  1. Dal 1° al 4° giorno dopo l'intervento

L'ematocrito è rimasto a livello post operatorio, nonché il numero di globuli rossi. Il numero di leucociti rosati ogni 24 ore.

Lo zucchero nel sangue tendeva a normalizzarsi.

Il livello di urina nel sangue era nella norma (0,10-0,40 g/l).

  1. Dal 6° al giorno dopo l'intervento

Abbiamo osservato un calo del numero di globuli rossi e un aumento dei leucociti.

Il volume medio di cellule del sangue è aumentato, anche se sarebbe dovuto diminuire, il che sarebbe stato un segno di anemia da macrocitosi.

Il livello di emoglobina e zucchero nel sangue sono tornati ai valori iniziali.

  1. Al 15° giorno

I valori biologici sono praticamente tornati ai loro livelli originali, ad eccezione dello zucchero nel sangue.

È stato notato che l'ossigenazione del sangue venoso è risultata essere del 16% che, nella vena brachiale di un cane, risulta essere un livello normale.

Osservazioni sullo stato di benessere del cucciolo

È stato notato che il cane si è ripreso dopo lo shock emorragico ed è stato in grado di alzarsi e assumere un atteggiamento normale.

Il recupero post-operatorio di tutte le funzionalità fisiologiche è avvenuto normalmente.

La cicatrizzazione dell'arteria è stata rapida e non sono stati necessari antibiotici o sulfamidici

Conslusioni

Questo esperimento, che è stato limitato a un singolo caso, ha mostrato il recupero di un cane dopo aver subito uno shock emorragico dovuto alla perdita del 55% del volume del suo sangue e alla sostituzione del suo 60% con plasma marino, nonché la verifica e la dimostrazione delle osservazioni e dei risultati ottenuti da René Quinton, come descritto nel suo famoso libro "L'eau de mer, milieu organique", (Edizione Masson, 1912.)

Articoli correlati

Consigli per “risplendere” a Natale
Macchie scure sul viso? Ecco un rimedio naturale
Freddolosa? Aumenta così il tuo calore interno
1 2 3 6
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

® MAREA è un marchio registrato
© Copyright 2021 plasmamarino.it – Tutti i diritti riservati.
cross
Apri Whatsapp
Parla con noi
Ciao, come possiamo aiutarti?
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram