Quando si parla di acqua di mare in molti ricordano l’estate e le vacanze in spiaggia, alcuni pensano ad una forma d’integrazione alimentare e davvero in pochi sanno di poterla utilizzare anche per cucinare.

In realtà le straordinarie ed uniche proprietà dell’acqua di mare pura, come hai potuto leggere navigando in questo sito, la collocano tra i migliori sali da cucina.

Aggiungere l’acqua di mare nella preparazione delle pietanze non significa solamente “salare”; in effetti, utilizzarla durante la cottura o, ancora meglio subito prima di servire verdure, legumi, uova, cereali, carne e soprattutto pesce, arricchisce le pietanze di una grande quantità di minerali organici.

Dona al tuo palato
una nuova esperienza!

Acquista subito

Dona al tuo palato
una nuova esperienza!

Acquista subito

Nel gustare i piatti conditi con questa “tempesta” di sali minerali il tuo palato e il tuo organismo percepiranno in modo autentico l’EQUILIBRIO e la COMPLETEZZA di una pietanza.

In verità Marea arricchisce il cibo di quei sali organici che per natura dovrebbe già avere, ma dei quali in realtà oggi è molto povero.

Fattori come il terreno scarico, le piogge acide, i trattamenti chimici, la raccolta prematura e la conservazione a bassissime temperature, non permettono al vegetale o al frutto di sviluppare in modo naturalmente completo tutte le sue proprietà nutritive.

Il cibo e l’acqua mediamente reperibili in commercio, spesso non riescono ad apportare la quantità di minerali di cui l’organismo necessita; la carenza di minerali e vitamine oggi è, infatti, in drastico aumento.

Si stima che il deficit colpisce dal 10% al 50% della popolazione mondiale.

In Europa, nel periodo dal 1961 al 1998, l’incremento della produzione agricola di oltre il 130%, ha portato un super sfruttamento del suolo coltivabile che ne ha ridotto la concentrazione di minerali del 72%.

Il caso delle mele

Mele
Minerali191419631992Diminuzione (%)
Calcio13,5 mg7 mg7 mg48,5
Fosforo45,2 mg10 mg7 mg84,51
Ferro4,6 mg0,3 mg0,18 mg96,09
Potassio117 mg110 mg115 mg1,71
Magnesio28,9 mg8 mg5 mg82,7

Come usare Marea in cucina?

Dovrai usare Marea in maniera calibrata in base alla tu percezione, della tua sensibilità al gusto del sale e del tipo di pietanza.

Mano a mano che l’acqua di mare si farà spazio nella tua cucina, riuscirai a trovare le dosi giuste per qualsiasi preparazione (dolci inclusi).

Prima di tutto procurati un comodo nebulizzatore in modo da poter diluire e dosare Marea in modo pratico e preciso.

Online ne puoi trovare tanti e di diversa forma e colore.

Per la cottura puoi usare qualsiasi modalità:
saltatura, al vapore, scottatura, bollitura, al forno, alla brace.

Puoi continuare a cucinare con acqua dolce, ma senza aggiungere sale, ed una volta finita la cottura e spento il fuoco spruzzare un po’ di Marea.

Ricordati in questo caso di mescolare bene affinché non rimangano porzioni da salare.

Uno dei motivi di chi sceglie quest’ultima modalità è cercare di ridurre al minimo l’effetto dell’alta temperatura sulla struttura dell’acqua di mare che potrebbe tendere a far precipitare i sali.

Ad ogni modo in qualunque modo la si utilizzi, sarà sempre infinitamente meglio del sale da cucina.

Come usare Marea in cucina?

Dovrai usare Marea in maniera calibrata in base alla tu percezione, della tua sensibilità al gusto del sale e del tipo di pietanza.

Mano a mano che l’acqua di mare si farà spazio nella tua cucina, riuscirai a trovare le dosi giuste per qualsiasi preparazione (dolci inclusi).

Prima di tutto procurati un comodo nebulizzatore in modo da poter diluire e dosare Marea in modo pratico e preciso.

Online ne puoi trovare tanti e di diversa forma e colore.

Per la cottura puoi usare qualsiasi modalità: saltatura, al vapore, scottatura, bollitura, al forno, alla brace.

Puoi continuare a cucinare con acqua dolce, ma senza aggiungere sale, ed una volta finita la cottura e spento il fuoco spruzzare un po’ di Marea.

Ricordati in questo caso di mescolare bene affinché non rimangano porzioni da salare.

Uno dei motivi di chi sceglie quest’ultima modalità è cercare di ridurre al minimo l’effetto dell’alta temperatura sulla struttura dell’acqua di mare che potrebbe tendere a far precipitare i sali.

Ad ogni modo in qualunque modo la si utilizzi, sarà sempre infinitamente meglio del sale da cucina.

Molti degli Chef più famosi al mondo usano regolarmente l’acqua di mare per migliorare il gusto dei loro piatti

Molti degli Chef più famosi al mondo usano regolarmente l’acqua di mare per migliorare il gusto dei loro piatti

Ecco i loro consigli:

“A seconda dei piatti che vuoi preparare puoi usare diverse proporzioni di acqua di mare mescolandola con acqua dolce.
Noterai che non tutti gli alimenti reagiscono allo stesso modo.
I carboidrati, ad esempio, assumono un sapore molto più salato rispetto ai legumi o alle zuppe.
Dovrai semplicemente affinare la tua pratica e prestare attenzione al dosaggio.
L’acqua di mare è un sale liquido con il quale puoi preparare qualsiasi cosa, non ci sono limiti quando si sperimenta.
La cucina è principalmente creatività.”

Ecco qualche indicazione di base su come miscelare l’acqua di mare con l’acqua dolce
per partire subito in questo fantastico viaggio nel gusto e nella cucina sana:

ACQUA DI MARE

40%

ACQUA DOLCE

60%

ACQUA DI MARE

100%

ACQUA DOLCE

0%

ACQUA DI MARE

35%

ACQUA DOLCE

65%

ACQUA DI MARE

20%

ACQUA DOLCE

80%

ACQUA DI MARE

25%

ACQUA DOLCE

75%

ACQUA DI MARE

30%

ACQUA DOLCE

70%

ACQUA DI MARE

20%

ACQUA DOLCE

80%

ACQUA DI MARE

40%

ACQUA DOLCE

60%

ACQUA DI MARE

75%

ACQUA DOLCE

25%

La parola marinatura, detta anche salamoia, in origine deriva dall’azione specifica “mettere in acqua marina”.

La salamoia, conosciuta fin dall’antichità, è una soluzione più o meno concentrata di acqua e sali marini a cui si possono aggiungere anche spezie ed erbe aromatiche.

Essendo il sale un ottimo conservante, la salamoia veniva utilizzata per mantenere il cibo più a lungo e aromatizzare carni, pesci, salumi, formaggi e verdure (l’esempio più comune sono le olive in salamoia).

La marinatura viene utilizzata anche per la produzione di alcuni tipi di formaggi; il parmigiano, ad esempio, prima della stagionatura, viene immerso in una salamoia dove rimane per oltre 20 giorni, acquistando gusto e conservabilità.

Esistono anche le salamoie a secco composte solo da sale mescolato ad erbe aromatiche e spezie.

Originariamente era l’acqua di mare (o comunque il sale integrale di mare puro) ad essere il protagonista di ogni marinatura, e serviva per:

  • arricchire gli alimenti di sapore;
  • ammorbidire le fibre;
  • preparare le pietanze alle cotture;
  • conferire agli alimenti particolari caratteristiche organolettiche

In cucina attualmente, con il termine marinatura si intendono tutte le preparazioni composte da elementi liquidi (vino, liquori, aceto, succo di limone, succo di arance, birra), elementi grassi (olio extra vergine di oliva, olio di cocco o ghee), ed elementi aromatici (sale, erbe, spezie, salse), in cui vengono immersi carne, pesce e verdure prima o durante la cottura.

Gli alimenti vengono completamente immersi nella salamoia a crudo, per una durata variabile a seconda dell’alimento e del suo peso, ma anche in base al sapore più o meno intenso che si vuole ottenere.

Alcuni esempi:

  • carni rosse di pezzatura oltre 10 kg –> 24 ore circa;
  • carni rosse di pezzatura inferiore a 10 kg–> 12 ore circa;
  • carni rosse peso di circa 5 kg–> 4 / 6 ore;
  • carni bianche –> 2 / 4 ore;
  • pesce in tranci –> 30 minuti / 1 ora;
  • filetti di pesce –> 30 minuti circa;
  • verdure–> 30 minuti circa

Cosa avviene agli alimenti durante la marinatura?

Gli elementi acidi, determinanti nella modifica delle proteine, tendono a cuocere il cibi.

Gli elementi grassi hanno la funzione di idratare gli alimenti prima e durante la cottura.

Gli elementi aromatici hanno la funzione di conferire agli alimenti aromi, profumi e sapori.

Con la marinatura otterremo pietanze più saporite, più aromatizzate e soprattutto più morbide e digeribili.

Per ottenere una marinatura perfetta:

  1. utilizza un recipiente abbastanza capiente in modo da contenere comodamente la carne, il pesce o la verdura da marinare;
  2. utilizza sempre recipienti di vetro o di ceramica, evita contenitori di acciaio, alluminio o plastica poiché potrebbero rilasciare sostanze tossiche per contatto con gli elementi acidi presenti nella marinatura;
  3. usa acqua marina pura al 100% al posto del sale;
  4. utilizza erbette fresche;
  5. macina o pesta le spezie al momento;
  6. lascia la marinatura in frigo ad una temperatura tra 1°C e 4°C per tutto il tempo stabilito.

Non marinare mai troppo a lungo soprattutto tagli di carni o filetti di pesce di piccola dimensione perché tenderanno a sfaldarsi.

Non utilizzare mai la marinata per condire gli alimenti dopo la cottura, in quanto potrebbe contenere batteri patogeni dovuti al contatto con la carne o il pesce crudi.

Se lo desideri puoi utilizzarla durante la cottura solo a temperature superiori ai 100 °C.

Il miglior sale da cucina

Vai allo store

Il miglior sale da cucina

Vai allo store